Riunione di insediamento in AgCom lo scorso 2 ottobre del Consiglio dell’Autorità, composto come segue:

Il Presidente, Giacomo Lasorella. Nominato con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Presidente del Consiglio, d’intesa con il Ministro dello Sviluppo Economico in data 15 settembre 2020.

I Commissari Laura Aria, Antonello Giacomelli, Elisa Giomi e Enrico Mandelli.

Come di consueto, dopo le dichiarazioni di legge circa l’insussistenza di situazioni d’incompatibilità, il Presidente in carica per i prossimi sette anni, ha tenuto il suo primo intervento.

Intervento che ha toccato diversi punti legati sulla responsabilità che avrà il consiglio nel guidare i cittadini italiani verso la società dell’informazione. Esigenza ritenuta matura soprattutto a seguito della recente pandemia che ha velocizzato diversi processi di informatizzazione. 

La preoccupazione del Presidente, a tal proposito, riguarda temi connessi alla digitalizzazione. Dallo sviluppo e l’efficienza delle reti, all’uso delle piattaforme per il lavoro agile, la didattica e infine l’intrattenimento.

L’intervento del Presidente si e’ soffermato anche su  temi riguardanti le televisioni, la par condicio e il contratto di servizio della Rai, che, sostiene Lasorella, sono e restano materie fondamentali per l’Autorità.

Un ultimo aspetto dell’intervento, prima di ringraziare la precedente consiliatura per il lavoro svolto, ha visto il rapporto con l’Europa e il rapporto con altri organismi come il Berec, l’Erga e l’Ergp ritenendolo uno snodo cruciale. Fondamentale, ritiene il Presidente AgCom, sarà anche la valorizzazione e il potenziamento del rapporto con le Istituzioni nazionali. Nonché quello con le altre Autorità nazionali.

 

Per approfondimenti: Consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni